Il nostro BTO 2014

Racconto di due giorni da ricordare

L’esperienza a BTO2014, l’evento italiano dedicato al Travel 2.0, è andata oltre tutte le nostre previsioni (per saperne di più su questo evento leggi il nostro articolo Fuoricentro a BTO 2014).

Sono stati due giorni intensi, faticosi e bellissimi.
Abbiamo vissuto incontri stimolanti, ascoltato e condiviso storie, visioni, progetti, idee.
Ma partiamo dall’inizio.

Ode ai lollipop

Il nostro stand era accogliente e molto semplice, ma diverso da tutti gli altri.
Due i punti di forza: colorati lollipop a spirale e la campagna Giovani d’esperienza che racconta la nostra identità.

stand-fuoricentro-bto2014

Ma perché la scelta dei lecca lecca in un contesto come quello di BTO?
C’è una parte di mondo che non è visibile se non attraverso gli occhi della fantasia e della creatività: gli ingredienti segreti che insieme all’esperienza, danno forma a ciò che rende unico ognuno di noi. I nostri lecca lecca parlano al bambino custodito in noi, alla sua curiosità, alla sua capacità di osservare, interpretare e rivoluzionare la realtà.

Siamo comunque rimasti molto sorpresi dal successo riscosso: i nostri lecca lecca colorati hanno appassionato moltissimi dei visitatori di BTO 2014, senza limiti d’età. Un vero successo celebrato da selfie, sorrisi e sincera curiosità per la nostra storia, per il lavoro che svolgiamo, per le nostre esperienze.

foto-lollipop-fuoricentro-bto2014

selfie-lollipop

Cosa abbiamo imparato a BTO2014

Lo stand ci ha impegnati molto, ma siamo comunque riusciti a seguire degli eventi. Alcune idee, in particolare, ci hanno colpito profondamente, proviamo a raccontarvele, in sintesi, qui.

Human to human
Abbandoniamo i cliché del marketing e rivolgiamoci con voce umana al cuore e alla testa delle persone. A tal proposito, Alessandra Farabegoli ha effettuato un intervento davvero interessante focalizzato sull’email marketing. Lo trovate qui: Scrivimi qualcosa che ho voglia di leggere – la mia cassetta degli attrezzi a #BTO2014.

Big data + creatività
Sperimentiamo nuovi linguaggi, attingiamo al patrimonio della tradizione e, al contempo, sfruttiamo appieno le potenzialità del digitale. Abbiamo seguito due eventi molto stimolanti su questo argomento:

  • Vecchi e nuovi media, viaggi letterari oggi con Simone Bozzato (Segretario Generale Società Geografica Italiana) e Valerio Millefoglie (scrittore e musicista). Al centro della chiacchierata l’ultimo lavoro di Valerio Millefoglie, Mondo piccolo. Spedizione nei luoghi in cui appena entri sei già fuori: racconto di un viaggio alla scoperta di luoghi piccoli, narrazione di incontri straordinari e dei mutevoli stati d’animo del viaggiatore stesso.
  • La sottile linea giocosa. Attivare l’engagement. Esperienze poco borderline di musei e destinazioni durante il quale Sergio Cagol ha presentato progetti eccellenti, ad alto tasso di innovazione, promossi da musei, aziende ed istituzioni, finalizzati a promuovere il patrimonio storico artistico e ambientale di un territorio o uno specifico servizio.

Il fallimento non è un tabù
In Italia il fallimento è uno stigma. Superiamo questa idea, chi ha fallito ha rischiato, ha sperimentato, ha investito energie, tempo e risorse. Per questo dobbiamo essergli grati. Dopotutto da un fallimento ci si può rialzare. Crederci è già iniziare a farlo.

L’Italia è una Repubblica fondata sulla bellezza
Impariamo a considerare questo patrimonio come un carico di responsabilità, per cambiare.

Questi due insegnamenti, così importanti, sono emersi dall’intervista a Beppe Severgnini, condotta da Giancarlo Carniani e Roberta Milano, che ha aperto BTO 2014. Una chiacchierata densa, ricca di spunti di riflessione sull’Italia e sull’importanza di mettere a fuoco una visione, per cambiare e ripartire dalle grandi ricchezze del paese.

Arrampicarsi è fantastico
Lo abbiamo sperimentato in prima persona nello stand allestito da Emirates a BTO 2014. Il primo sentimento di fronte alla parete da scalare può essere la paura. Ma l’importante ragazzi è respirare. Ringraziamo Pierpaolo Preti (Guida alpina e maestro di freeclimbing) per avercelo insegnato.

Anche quest’anno torniamo a casa con qualcosa in più.
Per tutto questo, grazie BTO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *